Ricercato da 3 mesi. Si costituisce in carcere

L’attività investigativa ha accertato l’esistenza e l’operatività di un’associazione per delinquere composta da italiani e albanesi dedita all'importazione di sostanze stupefacenti

Immagine di repertorio

Mondragone / Frignano – Era ricercato dallo scorso 17 dicembre quando i carabinieri arrestarono 5 persone con l’accusa di spaccio di droga.

Si tratta di Albert Doka, albanese, raggiunto da un’ordinanza di arresto perchè ritenuto uno dei fornitori della droga che veniva spacciata sul litorale Domizio.

Quando i carabinieri sono giunti al suo domicilio non trovarono nessuno, in quanto si trovava in Albania, suo paese d’origine.

Mercoledì 12 febbraio è tornato in areo in Italia presentandosi spontaneamente presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Nel corso dell’attività investigativa avviata nel maggio 2017 e coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, furono sequestrati oltre 40 kg di stupefacenti (tra hashish e marijuana), nonché materiale idoneo al confezionamento.

L’attività ha infatti accertato l’esistenza e l’operatività di un’associazione per delinquere composta da italiani e albanesi dedita all’importazione, proprio dall’Albania, di sostanze stupefacenti.