AVELLINO – Acqua infetta da batteri fecali con livelli al di sopra della soglia consentita dalla legge.

Così il sindaco vieta ai cittadini di bere da rubinetti e dalle fontane pubbliche, per motivi di sicurezza pubblica. I parametri microbiologici non sono conformi ai livelli stabiliti per legge.

L’Alto Calore Servizi, la societa’ che gestisce l’erogazione idrica nel 118 comuni irpini, ha comunicato al Comune di Avellino le irregolarità riscontrate in un serbatoio che rifornisce gran parte della città ed il sindaco Paolo Foti ha emesso un’ordinanza urgente per vietare il consumo di acqua.

Avviati ulteriori controlli sull’acqua, intanto è scattato un vero e proprio assalto ai supermercati per l’acquisto di acqua in bottina.