68enne casertano muore 36 ore dopo essere stato dimesso

I familiari vogliono fare luce sulla vicenda

Immagine di repertorio

SAN PRISCO / SANTA MARIA CAPUA VETERE – Un uomo di 68 anni residente nel comune di San Prisco, il 24 febbraio scorso viene portato al pronto soccorso dell’ospedale Melorio di Santa Maria Capua Vetere.

Si tratta di M. M. il quale, come riportato dal sito edizione caserta, accusava forti dolori addominali e difficoltà respiratorie.

Dopo alcuni esami di routine, viene dimesso in quanto gli verrebbe diagnosticato un malessere con dispnea con relativa terapia da seguire a casa.

Purtroppo però nel giro di 36 ore la sua situazione peggiora, e dopo un secondo ricovero al Melorio, viene disposto il trasferimento al Pellegrini di Napoli nel reparto di terapia intensiva, ma muore poco prima di essere trasferito per arresto cardiaco.

I familiari, così, hanno deciso di rivolgersi ad un avvocato per cercare di fare luce sulla vicenda. Verranno seguiti dall’avvocato Benito De Siero dello studio legale ‘De Siero Tutela del Malato’ specializzato in questo tipo di casi.