TERREMOTO IN ITALIA. ALMENO 38 MORTI. Tra le vittime anche bambini, un intera città rasa al suolo. Scossa avvertita anche nella provincia di Caserta

NAZIONALE – Tutto è cominciato questa notte intorno alle 3,36 con una scossa di magnitudo 6.0 con epicentro ad Accumoli, vicino Rieti, ad una profondità di 8 km. Una seconda scossa di magnitudo 5.4 è stata registrata alle 4:33 con epicentro tra Norcia e Castelsantangelo sul Nera ed ipocentro a 8,7 chilometri di profondità.

La potenza del terremoto è stata avvertita in tutto il centro Italia anche nelle province di Caserta e Napoli.

Il bilancio attualmente è di circa 38 morti mentre il comune di Amatrice e la frazione di Pescara del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno, sono stati completamente rasi al suolo dal sisma.

Palazzo Chigi riferisce che sono attivi i numeri del contact center della protezione civile: 800840840 e 803555.

I comuni più colpiti sono Amatrice, Accumoli, Arquata e Pescara del Tronto. Secondo la Protezione civile sono 38 le vittime accertate. Con almeno sei morti ad Accumoli, sei vittime ad Amatrice, dieci le vittime accertate a Pescara del Tronto, frazione di Arquata, uno dei paesi più colpiti. Dove a metà mattinata anche il corpicino di una bimba di nove mesi è stata estratta morta dalle macerie.

Leggi anche