NOZZE AL PRONTO SOCCORSO. 60 persone in ospedale, tra le quali anche una bambina. Online il nome del ristorante

REGIONALE – A svelare tutti i dettagli della vicenda delle nozze da incubo ci pensa il giornale online Il Mattino, di cui riportiamo un estratto del testo. In fondo alla pagina il link al testo integrale. Per lo sposo è stato sicuramente un giorno indimenticabile, sia nel bene che nel male, infatti dopo l’intossicazione alimentare, arriva anche lo choc anafilattico, per il giovane G.D., novello sposo di Torre Annunziata.

La cerimonia si è svolta in un ristorante sito a Trecase e dopo il ricevimento una sessantina di persone si sono rivolte al pronto soccorso in preda a vomito, dissenteria e febbre. Tra questi anche gli sposi, due giovani di Torre Annunziata, ed una bambina di 20 mesi. Sul caso sono in corso le indagini dei carabinieri e gli accertamenti dell’Asl Napoli 3 Sud.

Dalla struttura ricettiva alle falde del Vesuvio, arriva il commento alla vicenda tramite il legale, l’avvocato Vincenzo Sorrentino: «Restiamo in attesa degli accertamenti dell’Asl ed a disposizione degli investigatori per qualsiasi chiarimento. Così come gli sposi e gli invitati, inoltre, siamo davvero curiosi di capire la causa dell’intossicazione. Questo è un locale d’eccellenza, con chef e camerieri di prim’ordine. Sarebbe stato assurdo – ha concluso – risparmiare sulla qualità e sulla sicurezza dei prodotti».

Fonte: Articolo de Il Mattino

Leggi anche