LA POLIZIA LO BLOCCA MENTRE PICCHIA LA SORELLA. Arrestato e condotto in carcere

CASERTA – La Polizia di Stato di Caserta ha tratto in arresto F.C., 38enne, casertano, per il reato di maltrattamenti in famiglia. Gli agenti dell’ Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura, sono intervenuti, a Caserta,  per una segnalazione di lite in famiglia, ed  hanno individuato l’uomo mentre all’ interno dell’ abitazione  dei propri familiari, brandiva dei cocci di vetro, con cui  minacciava la sorella e gli altri parenti  intervenuti in sua difesa.

Una volta sul posto i poliziotti hanno, con non poche difficoltà, riportato l’ uomo alla ragione , scongiurando qualsiasi pericolo per l’ incolumità di tutti ed hanno accertato che F.C., in preda all’ ira, si era scagliato contro la sorella minacciandola dapprima verbalmente per poi passare alle vie di fatto con calci e pugni , poi con  un  coltello da cucina ed infine con dei cocci di vetro con cui si era anche provocato alcune ferite alle mani. Il tutto alla presenza dei due figli minori della malcapitata. Uno dei bambini era riuscito ad uscire dall’ appartamento per chiedere aiuto al alcuni familiari abitanti nello stesso stabile che , intervenuti a difesa della donna, erano stati a loro volta minacciati.

Ai poliziotti intervenuti la  vittima  ha denunciato  che il fratello  sottoponeva i familiari a continui maltrattamenti anche alla presenza dei bambini. Per verificare le condizioni della donna e del suo aggressore  gli agenti chiedevano l’intervento dei medici del 118  per le cure del caso.

F.C., che annovera numerosi precedenti di polizia e già in altre circostanza è stato arrestato e  denunciato  per lo stesso reato, veniva dunque tratto in arresto per il reato di maltrattamenti in famiglia e condotto presso la Casa Circondariale di San Tammaro a disposizione dell’autorità giudiziaria mentre il coltello veniva sottoposto a sequestro.

Leggi anche