Estorsione a costruttore sul litorale Casertano. 10mila euro per realizzare condominio

La nuova gerarchia del clan dei casalesi, nata dalla fazione di Bidognetti

BAIA DOMIZIA – Durante l’indagine che ha portato all’arresto di Mario Fazzone, 43 anni, e Francesco Pugliese, 41 anni, è emersa un’estorsione nei confronti di un costruttore operante sul litorale del Casertano.

Nello specifico, la vittima è un imprenditore edile che stava realizzando un condominio in località balneare di Baia Domizia.

Il costruttore, come ricostruito dagli investigatori, avrebbe pagato la somma di 10mila euro in due momenti diversi, ma senza denunciare l’estorsione subita, ma confermata ai carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Aversa durante gli approfondimenti.

I due arrestati sono ritenuti esponenti della cosiddetta “nuova gerarchia del clan dei casalesi”, la cosca nata dalla fazione dei Casalesi guidata dal capoclan Francesco Bidognetti.

Sarebbero diverse le estorsioni commesse nei confronti di imprenditori attivi a Parete, con atti intimidatori anche eclatanti, come quelli del gennaio 2017, quando bombe carta furono piazzate all’esterno dell’abitazione di un imprenditore edile.