CAMORRA A MARCIANISE. Condannato a 3 anni e sequestro di 170mila euro

MARCIANISE – Il tribunale si Santa Maria Capua Vetere ha condannato a 3 anni di carcere e ha disposto il sequestro di una somma di quasi 170mila euro, provento, secondo l’accusa, di estorsioni, il tutto a carico di Riparato Golino, 47 anni di Marcianise.

L’uomo è stato accusato e condannato per favoreggiamento aggravato nell’aver favorito l’ex capoclan Bruno Buttone in azioni di estorsione nei confronti degli imprenditori locali.

Questo processo è il secondo a suo carico. Durante il primo processo venne ritrovata nella sua abitazione una lista con i nomi degli imprenditori estorti, i quali non fecero mai denuncia. Proprio per questo motivo Riparato Golino fu assolto ma gli atti vennero trasmessi alla Dda per il collegamento proprio col clan Belforte.