Investe poliziotto dopo una rapina. Arrestato pericoloso criminale a Fratta

L’uomo è stato associato presso la casa circondariale di Poggioreale

FRATTAMAGGIORE – Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. Frattamaggiore, hanno sottoposto a fermo di P.G. Kurgasnov Igor, 25enne ucraino, residente a Frattamaggiore gravemente indiziato dei reati di scippo, resistenza a pubblico Ufficiale, tentato omicidio e lesioni personali dolose, ricettazione e danneggiamento.

Denunciato anche in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e porto di arma da punta.

L’uomo, noto alle forze dell’ordine poiché gravato da numerosi pregiudizi di polizia, aveva commesso uno scippo in località Grumo Nevano e, nel tentativo di guadagnarsi la fuga verso Sant’Antimo, veniva intercettato dagli agenti che lo riconoscevano, ma lo stesso non esitava un attimo ad investire volontariamente, uno dei poliziotti che gli intimava l’alt.

Tale comportamento gli consentiva di far perdere momentaneamente le sue tracce.

Una capillare attività investigativa è stata posta in essere dai poliziotti che non hanno trascurato alcun elemento e sono riusciti anche ad individuare l’ultimo indirizzo.
Nella serata del 26 febbraio un equipaggio del commissariato lo ha intercettato nella via Roma a bordo di una Matiz, auto di piccola cilindrata risultata poi compendio di furto, con la quale tentava di allontanarsi ma, dopo un breve inseguimento, veniva bloccato.

Controllato sul posto è stato trovato in possesso di tre cilindretti di plastica contenenti sostanza scura, presumibilmente stupefacente di tipo eroina, due involucri di cellophane termosaldati, contenenti sostanza bianca, verosimilmente cocaina, la somma di 170 euro.
Condotto negli uffici del commissariato, la sostanza rinvenuta nelle tasche dei suoi pantaloni è stata analizzata ed è risultata essere eroina per un peso di quasi tre grammi e cocaina per un peso di 0.63 grammi.

Lo stupefacente è stato sequestrato e posto a disposizione dell’autorità giudiziaria.

La somma rinvenuta e sequestrata è stata versata su apposito libretto e l’uomo è stato associato presso la casa circondariale di Poggioreale ove rimane ristretto con l’avvenuta convalida del fermo da parte dell’autorità giudiziaria competente.